Infissi e detrazioni, cosa c’è da sapere

Tutti noi, almeno una volta nella vita e in particolar modo se siamo proprietari di immobili, siamo stati accarezzati dalla voglia più o meno coinvolgente di restaurare e/o modificare gli infissi di un appartamento. Altrettante volte però ci siamo posti delle domande inerenti anche e soprattutto a quella che è la possibile spesa da effettuare: inutile girarci intorno ma se decidiamo di sostituire gli infissi dobbiamo necessariamente mettere mano al portafoglio ma non per questo dobbiamo partire moralmente abbattuti.
Con le nuove tecnologie, ma anche e soprattutto grazie al continuo progresso scientifico, è possibile ottenere risultati strabilianti senza necessariamente cavarsi un occhio della testa: se stai cercando di ristrutturare casa e quindi infissi a Roma chiedi consigli a AEP Infissi che ormai da tempo opera sul territorio capitolino con sommi risultati.
E sulle famigerate detrazioni cosa c’è da sapere? E di quale materiale conviene fare i nuovi infissi?

Il PVC come scelta primaria

Tra i tanti materiali che si possono scegliere per la realizzazione degli infissi delle nostre abitazioni uno prende il sopravvento su tutti gli altri: stiamo parlando del PVC, ovvero del Polivinile di Cloruro che a differenza di quanto si possa supporre assicura un rapporto qualità prezzo che ha dell’eccezionale.
Altresì, doveroso sottolinearlo, lo stesso PVC è un materiale figlio di lavorazioni naturali ipso facto non rappresenta alcun pericolo per la salute dell’essere umano e dell’ambiente in generale. Non ci credete? Prendete per esempio i ciucci dei biberon o alcune parti delle siringhe che utilizziamo per medicarci e realizzate che anch’essi sono fatti di PVC, seppur lavorato in modo differente.

Sulle detrazioni

Ormai da qualche anno la politica dello Stato italiano, ma non solo, offre la concreta possibilità a tutti coloro che decidono di rinnovare le proprie abitazioni / costruzioni di ottenere degli sgravi di un certo peso. Ovviamente per potervi accedere bisogna rispettare taluni parametri (vedi per esempio che i lavori devono necessariamente essere eseguiti su costruzioni già esistenti oppure devono assicurare un risparmio energetico di spessore) e spesso possono raggiungere una soglia pari del 75% praticamente ¾ di tutta la spesa.
Dati alla mano un pensiero è obbligatorio fare: se partiamo dal presupposto che a beneficiarne siamo noi in prima persona perché investiamo sulle nostre abitazioni e oltre a questo facciamo de bene all’ambiente dovremmo essere già motivati ma se a questo aggiungiamo il fatto che gran parte della spesa ci viene ‘restituita’, beh cosa stiamo aspettando?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi