Partita IVA per gli under 35

Il numero di ragazzi sotto i 35 anni che decidono di aprire una partita IVA è sempre in aumento, questo è dovuto soprattutto ad un cambiamento nelle dinamiche lavorative, oggi infatti i giovani lavorano soprattutto a progetto o come lavoratori autonomi e per fare questo è necessario aprirne una.

Vista questa situazione sono stati fatti degli incentivi dedicati a tutti gli under 35 che decidono di iniziare a lavorare autonomamente utilizzando una partita IVA.

Tutti coloro che hanno compiuto  i 35 anni, dal 1 gennaio del 2016, possono aprirla in formula agevolata  ma solamente con il regime forfettario, che non permette  di superare  un tot di guadagni annui,  che si attestano su un minimo di 30.000 euro ad un massimo di 50.000 euro, altrimenti si è obbligati a passare al regime ordinario, che non presenta dei vantaggi sugli sgravi per gli under 35.

Come aprire la partita IVA agevolata

Per aprire una partita IVA agevolata  va usato lo stesso metodo che viene utilizzato per quella ordinaria,va poi fatta comunicazione all’Agenzia delle Entrate di zona.

Questa dichiarazione va fatta  attraverso un modulo specifico chiamato AA9/ 7 o sul modello AA7/7 che  possono essere scaricati dal sito dell’Agenzia delle Entrate.

Una  volta aperta si può iniziare a lavorare sfruttando i vantaggi che offrono gli incentivi per gli under 35  e magari in un secondo tempo aprire anche una partita IVA comunitaria.

L’apertura della partita IVA forfettaria porta sicuramente dei vantaggi, primo fra tutti quello di dedurre dei compensi  da tutti i costi lavorativi e l’accesso ai regimi agevolati  che riducono le spese.

Il regime forfettario per gli under 35 prevede:

  • Un aliquota dell’imposta sostitutiva pari al 5% per i primi  5 anni di attività

  • Un aliquota dell’imposta sostitutiva  pari al 15% da il sesto anno in poi

In questo caso l’imposta sostitutiva viene vista come l’unica forma di imposizione fiscale sul reddito,  andando a sostituire in questo  l’IRPEF e l’IRAP

Questo regime porta però anche degli svantaggi, infatti  questa va bene finchè si rimane nel regime forfettario, infatti una volta che  scattano le aliquote ordinarie sia un aumento esponenziale della fiscalità.

Il principale problema con questo tipo di partita IVA è che il  30%  del guadagno viene gestito dall’INPS nel caso in cui non ci sia una categoria che non prevede una specifica cassa di previdenza sociale.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi