Cucine professionali, cosa serve per la cottura della pasta?

0

Quando si tratta di cucinare piatti di pasta all’interno della propria cucina, spesso la scelta di usare una tipologia di pentola non è un problema. Nelle cucine professionali, per velocizzare la cottura della pasta e non occupare postazioni sulle piastre, è bene avere un cuocipasta elettrico o una soluzione similare.

Non è difficile usare questo tipo di attrezzatura, anche se molte persone sono di questa idea. Tutto quello che si deve fare, è verificare che la temperatura dell’acqua sia ottimale e controllare il tempo di cottura della pasta. Infatti, in molte occasioni è molto facile sbagliarsi con il numero di minuti di cottura della pasta. Durante la routine del servizio, non è difficile immaginare di dimenticarsi di un porzione di pasta all’interno del cuoci pasta.

Per chi prepara la pasta fatta in casa ad esempio, l’utilizzo del cuoci pasta semplifica molto la preparazione del piatto di pasta, ma riduce anche il tempo di cottura della pasta. Quindi, è importante stare molto attenti al momento in cui si ritira la pasta e si conclude la preparazione del piatto.

Le cuocipasta in commercio possono essere acquistate con alimentazione ad elettrico o a gas. La differenza sostanziale tra le due attrezzature è solo ed esclusivamente l’alimentazione della fonte di calore con cui si riscalda l’acqua. In entrambi i casi,

Scegliere il modello ideale per le proprie necessità

Il fattore più importante a cui si deve badare quando si acquista una cuoci pasta, è sicuramente quello legato alla dimensione e al numero di cestelli presenti. Infatti, se si sceglie un modello troppo piccolo si potranno avere dei seri problemi durante il servizio. Se nella propria cucina si servono molti piatti di pasta, è bene scegliere un modello di cuoci pasta che permetta di superare abbondantemente il numero di piatti di pasta serviti.

Attenzione alla tipologia di formato

Uno dei problemi maggiori che succede quando si cuoce la pasta nelle cucine professionali, è mantenere il perfetto controllo sul minutaggio di cottura di differenti tipologie di pasta. Ad esempio, non si può pensare che gli spaghetti o i maccheroni di pasta fresca abbiano lo stesso tempo di cottura. Può succedere, se si sbaglia a valutare la cottura di una pasta, che allo stesso tavolo vengano serviti piatti di pasta cruda e al dente a diversi commensali. È bene valutare la tipologia di pasta che si mette all’interno del cestello metallico e di evitare di mescolare diversi tipi di pasta nello stesso cestello.

È molto difficile riuscire a cuocere due paste differenti nello stesso cestello. Quindi, è una prassi da evitare se non si vuole servire un piatto di bassa qualità ai propri clienti.