Gli interessi economici nel calcio, dai diritti Tv agli stipendi dei calciatori

Written by | Curiosità

quanto guadagna un calciatore

Il calcio è uno degli sport più praticati e più seguiti al mondo. In Italia, in particolare, il calcio è lo sport nazionale ed  è caratterizzato da tre campionati professionistici, quelli di Serie A, di Serie B e di Serie C, e dalle serie minori dilettantistiche a partire dalla Serie D.

Nel complesso quello legato al calcio in Italia è un grande business con interessi economici rilevanti non solo per quel che riguarda i diritti Tv e la vendita dei biglietti negli stadi, ma anche per la vendita di abbigliamento e di accessori a partire dalle magliette e passando per l’indotto rappresentato dai servizi di trasporto e dalla ristorazione.

I calciatori sono gli attori protagonisti di questo business a fronte di guadagni che presentano però un’ampia variabilità. Riguardo a quanto guadagna un calciatore, infatti, l’ingaggio è di norma l’entrata finanziaria più importante, ma gli atleti guadagnano anche dalle sponsorizzazioni e dalla pubblicità. Per esempio, giocatori come Cristiano Ronaldo e Leo Messi possono contare su un ingaggio faraonico, rispettivamente, dal Real Madrid e dal Barcellona, ma ogni anno incassano parecchi milioni di euro anche dallo sfruttamento dei loro diritti di immagine.

I guadagni di un calciatore, inoltre, tendono di norma a salire in ragione del suo rendimento sul campo ma anche in base alle società che intendono acquisire il loro cartellino. Ad esempio, le offerte economicamente più vantaggiose arrivano attualmente dalla Cina. La Repubblica Popolare, infatti, mira attualmente a promuovere il calcio sostanzialmente senza badare a spese, ragion per cui molti giocatori europei, in prevalenza quelli verso fine carriera, sono spesso attratti da queste offerte di ingaggio molto allettanti.

E’ il caso di Graziano Pellè, classe 1985, che nel mese di luglio del 2016 è passato al club cinese del Shandong Luneng a fronte di un ingaggio faraonico che si aggirerebbe complessivamente sui 40 milioni di euro per un contratto della durata di 2 anni e mezzo. Stessa sorte per Oscar dos Santos Emboaba Júnior, noto semplicemente come Oscar, che dal Chelsea, nel mese di dicembre del 2016, è passato in Cina allo Shanghai SIPG con un contratto quadriennale da 25 milioni di euro a stagione.

Quelli di Cristiano Ronaldo, di Leo Messi e di Graziano Pellè sono comunque dei casi limite visto che la maggioranza dei calciatori che in Italia milita in Serie A guadagna molto meno. Gli stipendi tendono poi mediamente a scendere in Serie B ed ancor più in Lega Pro dove peraltro spesso capita che i calciatori non vengano pagati entro le scadenze previste. In questi ultimi anni, infatti, molte squadre di Serie C dopo poche giornate di campionato sono entrate in crisi finanziaria rischiando poi di scomparire dal calcio professionistico.

Last modified: 13 giugno 2017